Home » Musica Antica » odh035

L’Amorosa Caccia. 24 Madrigali a 5 voci di maestri mantovani (Venezia 1588/1592)

Curatore: Stefania Lanzo

Prezzo: € 37.95




Condividi: Facebook Twitter



Condividi: Facebook Twitter

Dettagli prodotto

Curatore: Stefania Lanzo
Data ed.: 31-10-2014
Collana: Odhecaton
Pagine: pp. 144
Formato: 230x310 mm
Rilegatura: Brossura (copertina morbida)
ISMN: 979-0-2153-2257-8
Codice: ODH 35

Descrizione

“L’amorosa caccia” è una raccolta d’ambiente costituita da 24 madrigali a cinque voci, creati ex novo da altrettanti autori di origine mantovana. Si tratta di professionisti illustri, attivi in curia, a corte o nella basilica palatina di Santa Barbara, e di nobili musicofili locali probabilmente vicini all’Accademia degli Invaghiti, o forse parte della stessa. Tra i musici affermati della collezione si citano G.M. Bacchino, H. Baccusi, P. Cantino, A. Coma, G. Moro, S. Nascimbeni, A. Nuvoloni, N. Parma, G.B. Recalchi, F. Rovigo, A. Striggio, R. Trofeo; meno quotati sembrano invece C. Accelli, E. Ceruti, S. Cressoni, P. Marni, A. Preti, mentre risultano conosciuti come compositori esclusivamente grazie a “L’amorosa caccia” H. Borelli, C. Ceruti, O. Grassi, P. Massari, G.B. Orto, F. Ramesini, C. Zucca.
La realizzazione in partitura dei madrigali ha consentito di far riemergere dall’oscurità la raccolta, permettendo di verificarne l’effettivo valore musicale, accertando un notevole possesso della scrittura madrigalistica da parte dei 24 musicisti e offrendo l’opportunità di evidenziare le diverse abilità compositive di ognuno di essi. Se tra loro alcuni si sono rivelati completamente in linea con le prassi dell’epoca, spingendosi fino ai lidi dell’Augenmusik, altri si sono invece distinti per varietà e mutevolezza di situazioni armoniche, melodiche e ritmiche, volti alla ricerca dell’espressione musicale migliore per dar forza agli affetti proposti dal testo.
Non si riscontrano innovazioni particolari, ma – se i procedimenti contrappuntistici sono quelli di sempre – l’organico vocale, la sperimentazione, i giochi tra le parti e la sensibilità armonica evidenziano la dimestichezza col virtuosismo canoro dei concerti di dame ferrarese e mantovano, mostrando attenzione a ciò che di più moderno si potesse proporre all’epoca. La possibilità che questi madrigali siano stati eseguiti proprio da quel complesso locale di virtuose è accattivante e del tutto plausibile.

Recensioni

The Consort Magazine (Summer 2016)
... The volume includes 24 madrigals by 24 different composers originating from the Mantua region during the late-sixteenth century; many of them are concerned with the theme of Diana, goddess of the hunt, the moon and childbirth. The madrigals are laid out in a clear, attractive format (the pages being slightly larger than A4), which is easy to hold and perform from, provided that the ensemble is, as is assumed, an unaccompanied vocal group. ... this is a very usable edition containing attractive madrigals, all of which deserve to be better known. (Peter Leech)

Altri utenti hanno acquistato anche: