Chitarra » Chitarra sola » ch305

d’Ettorre, Fabio Renato
Incanti. Pezzi Lirici per Chitarra - Seconda serie (2008)


Prezzo: € 14.95





Condividi: Facebook Twitter



Condividi: Facebook Twitter

Dettagli prodotto

Contiene: Preludio II/ Freestory/ Dreaming (Prelude)/ Lullaby Fugue/ Echi/ Trinacria/ Flussi/ Pensieri/ Serenade/ Segoviana

Autore: Fabio Renato d’Ettorre (*1959)
Data ed.: 14-3-2019
Pagine: pp. 40
Formato: 230x310 mm
Rilegatura: Punto metallico
ISMN: 979-0-2153-2608-8
Codice: CH 305

Note biografiche

Fabio Renato d’Ettorre, nato a Roma, è attivo come chitarrista, come compositore, come autore e come musicologo. È titolare della cattedra di Chitarra, ottenuta per concorso, presso il Conservatorio Francesco Morlacchi di Perugia. Insegna Chitarra all’Accademia Tarquinia Musica di Tarquinia (Viterbo), Chitarra e Musica da Camera alla Scuola Popolare di Musica Donna Olimpia di Roma ed è iscritto alla Siae sia come Compositore che come Autore. Concertista dal 1975, si è esibito, oltre che in Italia, in molti stati europei e del nord-Africa.
Nel 1983 forma con Fernando Lepri e Roberto Felici il Trio Chitarristico di Roma, attualmente composto da Fabio Renato d’Ettorre, Fernando Lepri e Carlo Biancalana (del gruppo hanno fatto parte, in luogo di quest’ultimo, dopo Roberto Felici, Arturo Tallini e Marco Cianchi), che in trentacinque anni di attività ha calcato importanti palcoscenici italiani e stranieri e realizzato diverse incisioni discografiche per le etichette Musikstrasse, Edipan, Domani Musica, Dotguitar. Fra queste Luci e Ombre. Fabio Renato d’Ettorre (Musikstrasse 2005) interamente basata su musiche sue.
Primo premio alla Rassegna 1984 per Compositori dell’Associazione Amici della Musica della Penisola Sorrentina col suo brano Variazioni e Finale su tema di Lennon–McCartney, ha scritto numerose composizioni e trascrizioni soprattutto per e con il suo strumento. Come critico e musicologo ha collaborato, dal 1988, a quotidiani e periodici fra cui Amadeus, Il Fronimo, Guitart, Piano Time e Zeusi.
Nel 2005 ha ideato e curato, in occasione del bicentenario della nascita di Giuseppe Mazzini, la manifestazione culturale Mazzini pensatore, umanista, musicista amatore, all’interno del Conservatorio Bonporti di Trento e Riva del Garda, dove insegnava. Il progetto si è svolto sotto l’egida del Comitato Nazionale per le Celebrazioni del Bicentenario della Nascita di Giuseppe Mazzini e sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. In quell’ambito, ha scritto e interpretato lo spettacolo teatrale-musicale L’Italia suonò, imperniato sull’immagine di Mazzini musicista amatore, andato in scena in varie città italiane e al Teatro Argentina di Roma. Come autore ha anche firmato con Patrizia La Fonte i testi di Caro Millenovecento. Ricordi e accordi del secolo breve, un concerto narrativo per voce recitante e tre chitarre che rievoca, con parole e musica, il ventesimo secolo, andato più volte in scena con l’interpretazione della stessa attrice e del Trio Chitarristico di Roma.

Altri utenti hanno acquistato anche: