Libri e Riviste » Monografie » mc061

Muzio Clementi. Studies and Prospects

Curatori: Roberto Illiano, Luca Lévi Sala, Massimiliano Sala

Prezzo: € 89.95




Condividi: Facebook Twitter



Condividi: Facebook Twitter

Dettagli prodotto

Contiene: Introduzione di Leon Plantinga. Saggi di Eva Badura-Skoda, Federico Celestini, Galliano Ciliberti, Barry Cooper Donatella Degiampietro, Mariateresa Dellaborra, Dorothy de Val, William Drabkin, Giacomo Fornari, Bernard Harrison, Alberto Iesuè, Roberto Illiano, Sergio Martinotti, Simon McVeigh, Barbara Mingazzini, Peter Niedermüller, Fiona M. Palmer, Leon Plantinga, Rudolf Rasch, David Rowland, Luca Sala, Massimiliano Sala, Andrzej Sitarz, Marco Tiella, Claudia Vincis

Curatore: Roberto Illiano, Luca Lévi Sala, Massimiliano Sala
Data ed.: 1-3-2002
Collana: Muzio Clementi - Opera Omnia
Pagine: pp. 512
Formato: 170x240 mm
Rilegatura: Brossura (copertina morbida)
ISBN: 978-88-8109-448-6
Codice: MC 61

Descrizione

La presente monografia vuole celebrare il 250° anniversario della nascita di Muzio Clementi (Roma, 1752 - Evesham, 1832), riunendo le ricerche più aggiornate dei maggiori esperti internazionali della figura e dell’opera del compositore italo-inglese.
Volendo dare a questo volume miscellaneo la struttura di un viaggio eterogeneo, ma unitario, nell’universo clementiano, si è deciso di organizzare i contributi in sezioni tematiche, che devono intendersi come una proposta di orientamento all’interno dell’ampio spettro del materiale raccolto. Le quattro sezioni iniziali — ‘Italy’, ‘England’, ‘Austria and Switzerland’, ‘France’ — offrono una panoramica degli spostamenti di Clementi nelle principali capitali europee e sono comprensive, tra gli altri, di studi sulla sua formazione romana, sulla collaborazione nella creazione della Philharmonic Society, sulla celebre competizione con Mozart, sul fenomeno della ‘Hausmusik’ nella Londra di fine Settecento, sull’esecuzione delle sue opere ai ‘Concerts spirituels’ e sulla sua ricezione nella Parigi accademica di inizio secolo.
Le due sezioni che seguono, ‘The Music’ e ‘The Piano’, sono dedicate all’opera musicale di Clementi: la prima alle opere orchestrali e cameristiche, che ancora oggi non hanno ricevuto idonea attenzione e diffusione. La seconda, invece, raccoglie una serie di saggi sulla musica pianistica di Clementi, considerato capostipite di una scuola di livello internazionale e caposaldo per lo studio del pianoforte sino ai nostri giorni.
La sezione ‘The Entrapreneur’ affronta una peculiarità nella vita dell’autore: il suo mestiere di editore e costruttore di pianoforti che, nel giro di pochi anni, lo rese un imprenditore famoso in tutta Europa. Clementi partecipò attivamente alla costruzione dei pianoforti della sua ditta e — in questa sezione — è incluso anche uno studio organologico dei suoi pianoforti da tavolo.
Conclude il volume la sezione ‘Lectures’, in cui sono raccolte notizie inedite su Clementi tracciate da Johann Baptist Schaul e Giacomo Gotifredo Ferrari. Infine, è affrontato il fenomeno dell’emigrazione della musica e dei musicisti nel Settecento, che portò molti compositori ad esibirsi e lavorare in corti, teatri e sale da concerto di tutta Europa. Tale fenomeno coinvolse numerosi autori italiani significativi, quali Cherubini, Cimarosa, Locatelli, Paisiello, Piccinni, Salieri, Viotti e Clementi, ma anche altri compositori europei, quali Janiewicz, che ebbe rapporti di lavoro con Clementi e una simile vicenda umana.

Dettagli collana

Muzio Clementi - Opera Omnia
Edizione Urtext
Comitato scientifico: Andrea Coen, Roberto Illiano, Costantino Mastroprimiano, Luca Lévi Sala, Massimiliano Sala

La presente edizione degli Opera Omnia di Muzio Clementi (Roma, 1752 - Evesham, 1832) si propone di fornire il corpus integrale delle opere di uno degli autori storicamente più significativi nel panorama europeo a cavallo fra i secoli XVIII e XIX. Il piano dell’opera consta di 60 volumi comprendenti trattatistica, musica da camera, vocale e per strumenti a tastiera. In particolare: 10 volumi sono dedicati alle composizioni senza numero d’opera, uno al metodo per pianoforte op. 42 comprensivo dell’appendice al metodo op. 43 e un altro al concerto per pianoforte e orchestra (orchestrazione di J. Schenk, 1796). Oltre ai due volumi dedicati alle Sinfonie op. 18, ve ne sono altri sei dedicati a opere orchestrali in parte non complete.
La collana ospita anche il volume di saggi Muzio Clementi. Studies and Prospects.

Testi introduttivi in Italiano e Inglese

www.muzioclementi.com

Recensioni

Rivista Italiana di Musicologia, XXXIX/1 (2004)
Con grande interesse ci avviciniamo ... alle quasi 500 pagine di studi del volume curato da Roberto Illiano, Luca Sala e Massimiliano Sala (Muzio Clementi. Studies and Prospects ... volume che si colloca inoltre nell'ambito della altrettanto auspicabile nuova edizione critica degli Opera Omnia di Clementi a cura delle Edizioni Ut Orpheus), e alle altre 230 pagine di atti del convegno organizzato dallo stesso Comitato scientifico degli Opera Omnia di Clementi e dall'Istituto Storico Austriaco in Roma, in collaborazione con la Sezione di Storia della Musica dell'Istituto Storico Germanico a Roma e il Da Ponte-Institut für Librettologie, Don Jouan-Forschung und Sammlungsgeschichte di Vienna - con una connotazione quindi volta esplicitamente a valorizzare gli aspetti sovranazionali dell'attività di Clementi (Muzio Clementi cosmopolita della musica ...). I due volumi in esame, aperti entrambi (quasi doverosamente) da interventi dell'autore della monografia oggi ancora di riferimento, Leon Plantinga, contengono complessivamente una quarantina di saggi, spesso in dialogo tra loro (anche per la presenza di alcuni autori in entrambi i testi). Una mole di lavoro imponente ... Va sottolineato subito come dietro e a fianco di questi curatissimi volumi si collochi il lavoro di edizione critica dell'opera completa clementiana (di cui si ha testimonianza - come work in progress - in diversi contributi) nonché la proposta di revisione del catalogo tematico di Tyson ... tutto questo a dimostrazione di una volontà (e forse necessità, ormai) di revisione profonda e radicale dell'immagine di Clementi sia negli studi sia nel momento esecutivo, tenendo in costante collegamento i due piani della ricerca. ... Il fatto che gli strumenti della musicologia siano oggi molto più affinati di un tempo su tutti questi argomenti e che non esista (quasi) più un pregiudizio che riservi le 'grandi' ricerche solo ai 'grandi' personaggi, rende perfettamente realizzabile il progetto, che mi sembra oramai chiarito nelle direzioni intraprese dalla Ut Orpheus, con la pubblicazione degli Opera Omnia, ma anche con l'iniziativa dei Quademi Clementiani. Un programma vertiginoso e un augurio di studio per tutti coloro che si occupano di questo settore ... (Maria Grazia Sità)

Altri utenti hanno acquistato anche: