Italiano English
Home New Editions Downloads News & Events Newsletter About Us Dealers Distributors
My Account Cart Contents Checkout

Music for Children » Music Education » dm031

Spaggiari, Gabrielangela
Fare musica insieme N. 1. Musica per strumentario Orff
[Fare Musica – Quaderni per la prima formazione musicale]


Price: € 15.95


Share: Facebook Twitter

Product Details

Author: Gabrielangela Spaggiari
Publication Date: 2000
Collana: Fare Musica
Pages: pp. 64
Size: 230x310 mm
Binding: Saddle stitching
ISMN: 979-0-2153-0569-4
Codice: DM 31
           Sample Pages

Description

È ormai un dato acquisito che la pratica della musica d’insieme rappresenti un’importante e indispensabile esperienza in grado di favorire una corretta e completa formazione musicale. Nei Conservatori di Musica è prevista la frequenza obbligatoria di questa disciplina solo dal quinto anno di strumento. È a partire da quel momento che lo strumentista incomincerebbe a possedere i requisiti necessari per poter iniziare a suonare insieme agli altri: e cioè una buona tecnica strumentale, una corretta intonazione, un bel suono, ecc.
In realtà anche in Italia sono ormai molte le Scuole di Musica (pubbliche e private) che, invece, propongono da subito questa attività ai giovanissimi allievi dei corsi di propedeutica strumentale e di propedeutica musicale generale.
Non è infatti indispensabile possedere grandi abilità tecniche o avere già maturato una perfetta intonazione: l’importante è che il bambino possa incominciare da subito ad esprimere la propria musicalità concentrando l’attenzione anche su pochi elementi, pochi suoni, e possa soprattutto, nella continua interazione con i propri compagni, sviluppare l’abitudine di ascoltare se stesso in rapporto al contributo degli altri e al risultato di insieme.
Il piccolo allievo avrà così la possibilità di potenziare il senso ritmico, la percezione melodica, la memoria musicale, la lettura, le capacità analitiche, compositive e interpretative; e potrà inoltre sviluppare il rapporto con il proprio strumento migliorando l’intonazione, la postura, il modo di respirare (e il problema non riguarda solo gli strumenti a fiato), ricercando diverse modi di produzione del suono: d’altra parte è proprio imparando ad ascoltare gli altri, attraverso una disciplina fatta di autocontrollo e concentrazione, che può maturare l’ascolto critico del proprio suono e dunque lo sforzo per migliorarlo. Anche solo l’esecuzione di una melodia all’unisono, se fatta in un gruppo d’insieme, può così diventare motivo di gratificazione e di stimolo per la crescita musicale dei giovanissimi allievi e può nello stesso tempo assumere una forte rilevanza formativa, anche in quanto esperienza socializzante.
I primi strumenti comunemente utilizzati all’interno dei corsi di propedeutica musicale sono, com’è noto, quelli dello strumentario Orff. In genere solo in un successivo momento (di solito dopo circa un anno) il bambino inizia parallelamente anche lo studio di uno strumento musicale sotto la guida di un insegnante con competenze strumentali specifiche. L’approccio iniziale con lo strumentario didattico è sicuramente semplice e immediato: senza problemi di intonazione l’esecutore può concentrarsi direttamente sulla tecnica esecutiva e sul fare musica insieme. È vero però che gli strumenti musicali tradizionali con le loro ben più ricche e interessanti caratteristiche timbriche, possono ancor più stimolare la fantasia del bambino e dunque motivarlo nella ricerca di nuove possibilità sonore.
La proposta di utilizzare entrambe le tipologie strumentali può allora rappresentare un valido accorgimento per un percorso metodologico veramente completo e in grado di agevolare una corretta e approfondita crescita musicale.
È per questo che al primo quaderno dedicato alla musica d’insieme per strumentario Orff ne seguirà un secondo, nel quale verranno proposte altre facili partiture che richiederanno anche l’utilizzo degli strumenti tradizionali.
Le partiture qui raccolte, da me trascritte ed elaborate, sono il risultato di un’esperienza decennale maturata all’interno dei corsi di propedeutica degli Istituti musicali pareggiati di Carpi e Reggio Emilia. I brani si susseguono secondo un ordine di difficoltà crescente e sono presi dal repertorio popolare internazionale e classico. Il quaderno si rivolge a bambini di 8-12 anni, ma può essere utilizzato anche nelle scuole medie inferiori o a indirizzo musicale.
È consigliabile che il gruppo di musica d’insieme sia costituito da non più di 10-12 esecutori, con la possibilità di raddoppiare le parti principali.
Si è scelto di non scrivere le singole parti strumentali affinché l’allievo possa prendere da subito l’abitudine a leggere in partitura.
Inoltre si è preferito non adottare la diteggiatura dello strumentario a piastre per dare maggior chiarezza ritmica alla partitura e nello stesso tempo per lasciare più libertà nelle modalità d’esecuzione.
Le parti pianistiche sono per la maggior parte abbastanza facili, adatte ad essere suonate da allievi principianti.

Biographical Notes

Gabrielangela Spaggiari, diplomata in musica corale e direzione di coro e in clarinetto, ha studiato composizione con Salvatore Sciarrino. Come clarinettista si è perfezionata all’Académie Internationale d’Eté di Nizza sotto la guida di Jacques Lancelot.
Da diversi anni svolge attività didattica nel campo dell’educazione musicale di base per i corsi di propedeutica musicale, propedeutica del clarinetto, operatori musicali e insegnanti delle scuole elementari.
Attualmente insegna propedeutica musicale e teoria e solfeggio presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali «Achille Peri» di Reggio Emilia e tiene stages sulla propedeutica del clarinetto presso la Scuola Comunale di Musica di Suzzara (Mantova).

Series Details

Fare Musica
Quaderni per la prima formazione musicale
a cura di Alessandra Anceschi, Irene Bonfrisco, Ester Seritti, Gabrielangela Spaggiari

La serie di quaderni si prefigge la finalità della formazione musicale globale dell’allievo.
Gli obiettivi sono i seguenti:
• sviluppare la percezione uditiva;
• favorire un atteggiamento di concentrazione e attivare i meccanismi mnemonici;
• arricchire la formazione ritmico-motoria e l’educazione melodica;
• leggere la musica con disinvoltura;
• conseguire capacità di ascolto attento e critico;
• elaborare creativamente materiali musicali;
• eseguire costantemente la musica d’insieme.
La caratteristica della collana è quella di correlare obiettivi, contenuti e materiali in forma trasversale.
Ogni quaderno, pur proponendosi un filone specifico, è complementare alle altre proposte della serie che vengono riprese e sviluppate con utilizzazioni diverse. Le esperienze raccolte antepongono la pratica alla grammatica e riuniscono proposte di diversa tipologia appositamente modellate sulle tappe dello sviluppo musicale del bambino.

Other Customers also purchased:

Quick Search
Free Shipping
on Orders over
€ 59.00
Follow Ut Orpheus
Facebook   Twitter   RSS
Newsletter
Subscribe here