Home » Opere Sceniche » nap005b

Jommelli, Niccolò
Betulia Liberata. Oratorio per 4 voci, coro e strumenti su testo di Pietro Metastasio
Edizione critica
[Materiale per l’esecuzione a noleggio]


Richiedi Preventivo Noleggio

Condividi: Facebook Twitter

Richiedi Preventivo Noleggio

Condividi: Facebook Twitter

Dettagli prodotto

Materiale per l’esecuzione a noleggio
[Solo: SATB - Choir: SATB - 0.2.0.0. - 2.0.0.0 - Str - Bc]

Autore: Niccolò Jommelli (1714-1774)
Curatore: Gaetano Pitarresi, Nicolò Maccavino
Anno ed.: 2003
Collana: Napoli e l’Europa
Edizione: Materiale per l’esecuzione a noleggio
ISMN: 979-0-2153-2135-9
Codice: NAP 5B

Descrizione

Secondo degli oratori di Niccolò Jommelli (1714-1774), dopo Isacco figura del Redentore, la Betulia liberata, per quattro voci, archi, due oboi, due corni e basso continuo, composta nel 1743 su commissione dei Padri della Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri, ebbe vasta circolazione in Italia per tutto il Settecento e sue esecuzioni si annoverano anche a Praga e Londra. Delle versioni date del fortunato testo metastasiano, quella di Jommelli è tra le più pregevoli per efficacia, varietà ed equilibrio dell’invenzione e per la chiara attenzione ad una coniugazione degli aspetti drammatici con quelli puramente musicali.
La sintesi geniale di scritture e forme, l’attenzione alla caratterizzazione drammatica, la forza inventiva che Jommelli rivela nella Betulia lo rendono, intorno alla metà del Settecento, il compositore italiano di punta, superiorità riconosciuta anche dagli storiografi e critici musicali della sua epoca.

Dettagli collana

Napoli e l’Europa
La Scuola Napoletana dal XVII al XIX secolo

La collana presenta edizioni critiche e Urtext di musiche di compositori della Scuola Napoletana dei secc. XVII-XIX.

Ut Orpheus Edizioni è editore esclusivo del progetto Scuola napoletana, ideato dal Maestro Riccardo Muti, e realizzato alla guida dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini. A partire dal 2007, in collaborazione con il Ravenna Festival, il Festival di Salisburgo ha prodotto per il Festival di Pentecoste opere, oratori e messe di grande rilievo musicale: composizioni non abitualmente frequentate o addirittura del tutto inedite.
Ut Orpheus pubblica l’edizione critica delle musiche nella sezione della presente collana denominata ‘Capolavori della Scuola napoletana scelti da Riccardo Muti per il progetto realizzato al Festival di Pentecoste di Salisburgo in collaborazione con Ravenna Festival’. Inoltre la casa editrice cura e inserisce in catalogo per ciascun lavoro la riduzione canto e piano e mette a disposizione il materiale orchestrale a noleggio per altre produzioni.

Presentazione di Riccardo Muti

Testi introduttivi in Italiano e Inglese