Home » Flauto Dolce » fl024

Bellino, Alessandra
La Voce di Orfeo per Flauto Dolce Contralto e Arpa (2011)


Prezzo: € 11.95




Condividi: Facebook Twitter



Condividi: Facebook Twitter

Dettagli prodotto

Autore: Alessandra Bellino (*1970)
Data ed.: 10-12-2013
Collana: Flauto Dolce
Pagine: pp. 20
Formato: 230x310 mm
Rilegatura: Punto metallico
ISMN: 979-0-2153-2123-6
Codice: FL 24

Note biografiche

Scheda prodottoAlessandra Bellino ha studiato composizione con Bruno Mazzotta, Azio Corghi e Ivan Fedele. Ha scritto per diversi organici, per orchestra e per teatro con esecuzioni in Italia e all’estero. Vincitrice di numerosi premi di composizione nazionali ed internazionali, nel 2006 è stata vincitrice assoluta del 1° Concorso Internazionale di Composizione “Magistralia” di Asturias, con la Scena per Orchestra ”Le Gabbie di Danae” eseguita in prima mondiale presso l’Auditorium di Valladolid nel 2007 dall’Orchestra Sinfonica di Castilla y León diretta da Alejandro Posada e replicata nel 2008 presso l’auditorium Principe Felipe di Oviedo dall’Orchestra Sinfonica del Principato di Asturias diretta da Maximiano Valdés. Nel 2011 il suo lavoro per orchestra “Dhrupãd” è eseguito con successo di pubblico e critica nella Stagione 2010/2011 dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo sotto la direzione di Aldo Sisillo. Nello stesso anno vince il 2° premio al prestigioso Concorso Internazionale di Composizione Italia 150° 2011 (LAMS, Matera) con la composizione “Silenzio! Chi ride?” per soprano e piccola orchestra, eseguita dall’orchestra da Camera di Matera diretta da Marco Angius e trasmessa in diretta su RAI Radio 3 Suite.

Dettagli collana

Flauto Dolce
Collana diretta da Nicola Sansone

La presente collana ha per oggetto sia la proposizione del repertorio originale dei secoli passati, con l'accostamento di autori e brani noti con altri meno noti o inediti, sia la valorizzazione della musica contemporanea nelle sue più diverse sfaccettature, nella convinzione che il Flauto Dolce, in una civiltà musicale evoluta, abbia diritto a un posto speciale non solo per il suo ruolo di memoria storica o per le sue funzioni educative e ricreative, ma anche e soprattutto come strumento musicale 'traduttore' e 'ambasciatore' tra linguaggi diversi, portatore e promotore di una cultura musicale attiva, condivisibile e aperta.