Home » Chitarra » Chitarra sola » ch254

Vezzoli, Andrea - Ugoletti, Paolo
18 Pezzi Contrappuntistici per Chitarra


Prezzo: € 15.95





Condividi: Facebook Twitter



Condividi: Facebook Twitter

Dettagli prodotto

Contiene: Andrea Vezzoli: 14 Pezzi (Bicinium nel modo frigio/Canone all’ottava nel modo dorico/ Invenzione a 2 voci in La minore/ Canone per aumentazione n. 1/ Canone per aumentazione n. 2/ Fughetta/ Contrappunto a 3 voci su un tema popolare/ Tricinum nel modo dorico/ Fuga a 3 voci in Mi minore n. 1/ Fugato/ Sanctorum meritis. Contrappunto a 3 voci su cantus firmus gregoriano/ Fuga a 3 voci in Mi minore n. 2/ Stile antifonale/ Invenzione a 1 voce); Paolo Ugoletti: 4 Pezzi (Tiento/ Anthem/ Duetto/ Fuga in Re minore)

Autore: Andrea Vezzoli (*1982) - Paolo Ugoletti (*1956)
Curatore: Piero Bonaguri, Raffaello Ravasio
Anno ed.: 2017
Collana: Piero Bonaguri Collection
Pagine: pp. 44
Formato: 230x310 mm
Rilegatura: Punto metallico
ISMN: 979-0-2153-2452-7
Codice: CH 254

Descrizione

Da tempo avevo in mente di chiedere a qualcuno dei miei amici compositori di scrivere una serie di contrappunti, anche ad uso didattico, per chitarra. È una lacuna abbastanza evidente nella produzione didattica per lo strumento: lo studente di chitarra non ha la fortuna, come i suoi colleghi pianisti e clavicembalisti, di poter contare sulle Invenzioni a due e tre voci e sul Clavicembalo ben Temperato di Bach. Abbiamo, è vero una imponente serie di musiche (a volte anche pensate con fini didattici), di altissimo livello musicale, nelle numerose collezioni di musica per vihuela e liuto rinascimentale. Ma si tratta pur sempre di musica modale, non scritta esplicitamente per chitarra, ed oltre tutto non sempre reperibile in trascrizioni ed edizioni facilmente utilizzabili da uno studente. Se poi si pensa alle composizioni per liuto barocco i problemi per lo studente di chitarra aumentano. E la produzione (anche didattica) per chitarra più in voga, a partire dal primo ottocento, non si è occupata se non con rare eccezioni di contrappunto imitativo, per comprensibili ragioni.
Tra i tanti autori con cui ho l’onore di collaborare, uno tra i candidati ideali per scrivere una raccolta di questo tipo era Paolo Ugoletti… che però non si è mostrato particolarmente attratto dalla idea di scrivere una raccolta di pezzi contrappuntistici con finalità anche didattica.
Qualche mese fa proprio un allievo di Paolo Ugoletti, Andrea Vezzoli, mi inviò in visione una sua breve Fuga per chitarra che era scritta così bene, musicalmente e strumentalmente, da farmi pensare a lui come potenziale collaboratore del mio progetto. Vezzoli ha risposto con entusiasmo alla mia proposta ed in poco tempo mi ha inviato questa serie di piccoli pezzi che sono proprio in linea con i miei intendimenti, costituendo una raccolta che forse appare per la prima volta, con queste caratteristiche, nel repertorio della chitarra. Alcuni pezzi sono in linguaggio modale, altri sono tonali e qualcuno esce dal codice della tonalità; ho chiesto al compositore questa differenziazione stilistica anche per una maggiore utilità pedagogica.
Ho poi pensato che alla raccolta di Andrea Vezzoli potessero seguire alcuni dei tanti pezzi da concerto in stile contrappuntistico scritti per me (senza alcuna esplicita finalità didattica, e nello stile personalissimo del compositore) dal suo maestro Paolo Ugoletti; e sempre nell’ottica di questa collaborazione tra generazioni diverse ad un progetto comune ho proposto al mio ex allievo Raffaello Ravasio di curare la diteggiatura della Fuga in Re minore di Ugoletti, un pezzo molto bello e difficile del quale finora non avevo potuto occuparmi personalmente.
I due compositori, poi, mi hanno aiutato ad individuare e descrivere le caratteristiche formali dei vari pezzi che compaiono in questo volume, anche in relazione alle tecniche contrappuntistiche utilizzate. A queste osservazioni mutuate dai compositori ne ho aggiunte alcune relative alla diteggiatura ed alle tecniche esecutive. Ne esce una sorta di piccola guida allo studio del contrappunto sulla chitarra, cosa certo abbastanza inedita e che mi auguro possa anche essere utile sia agli studenti che ai concertisti ed agli insegnanti. (Piero Bonaguri)

Dettagli collana

Piero Bonaguri Collection
Musica Contemporanea per Chitarra

Piero Bonaguri ha compiuto gli studi musicali col massimo dei voti e lode al Conservatorio di Parma; diploma di Merito all’Accademia Chigiana di Siena, ha avuto tra i suoi maestri Enrico Tagliavini, Alirio Diaz, Oscar Ghiglia, del quale è stato assistente, e infine Andrés Segovia, che scrisse di lui: “Avrà presto un nome illustre fra i migliori chitarristi di questo tempo”.
Svolge attività concertistica in circa cinquanta Paesi nei cinque continenti, suonando per importanti istituzioni e festivals.
Ha eseguito, inciso e curato le edizioni di molti brani solistici e con orchestra scritti per lui (sono ormai circa 400 i nuovi pezzi per lui scritti da compositori come Cappelli, Guarnieri, Ugoletti, Solbiati, Molino, Paccagnini, Benati, Carluccio, Anzaghi, Tagliamacco).
Dirige una collana di musica contemporanea per chitarra per l’editore Ut Orpheus.
È docente di chitarra al Conservatorio “G.B. Martini” di Bologna.

www.bonaguri.com

Altri utenti hanno acquistato anche: