Home » Musica Contemporanea » ch064

Musica Incerta - Un’introduzione alla musica contemporanea per Chitarra. 6 Composizioni per Chitarra sola di Mauro Bortolotti, Mauro Cardi, Fabrizio Casti, Agostino Di Scipio, Fausto Razzi, Italo Vescovo (con scritti di Enrico Fubini e Filippo Poletti)

Prezzo: € 25.95




Condividi: Facebook Twitter



Condividi: Facebook Twitter

Dettagli prodotto

Contiene: Mauro Bortolotti: L’impervia, pervia via/ Mauro Cardi: Impromptu/ Fabrizio Casti: L’Anima Visionaria/ Agostino Di Scipio: Ektopos/ Fausto Razzi: Invenzione/ Italo Vescovo: Come la quiete notturna

Curatore: Arturo Tallini
Anno ed.: 2000
Collana: Chitarra
Pagine: pp. 92
Formato: 230x310 mm
Rilegatura: Punto metallico
ISMN: 979-0-2153-0564-9
Codice: CH 64

Descrizione

Perché un libro sulla musica contemporanea?
Spesso capita di sentire allievi che, come ‘brano contemporaneo’, suonano La Catedral di Barrios, qualche Estudio Sencillo di Brouwer o un Preludio di Villa-Lobos. Il valore di questi brani è indiscutibile, ma è altrettanto certo che essi appartengono, pur con le dovute differenze, a un linguaggio tradizionale. È convinzione del curatore che non possa più bastare il semplice dato anagrafico («In fondo Barrios è nato nel ’900...» è la tipica motivazione di quegli allievi) per definire contemporaneo un brano: è necessario possedere strumenti adatti a orientarsi nei linguaggi che gli autori elaborano ogni giorno.
Il rapporto di diffidente estraneità instaurato da Andrés Segovia con la nuova musica può oggi evolversi in qualcosa di diverso: a distanza di 50 anni i chitarristi sono in grado di porsi in un atteggiamento di maggior ricettività e, non più costretti a procurarsi una ‘visibilità’ nel mondo musicale, possono rivolgersi più serenamente alla musica dei loro contemporanei.
‘Musica Incerta’ cerca di rendere possibile questo mutamento di prospettiva: Arturo Tallini si è rivolto a Enrico Fubini, al musicologo Filippo Poletti e a sei compositori italiani, progettando il presente volume che è così costituito:
• uno scritto di Enrico Fubini sul rapporto fra linguaggio e storici della musica;
• un ponderoso scritto di Filippo Poletti che sviscera in profondità tutti gli aspetti grafici della simbologia usata negli ultimi decenni, non solo fornendo spiegazioni sull’esecuzione, ma aiutandoci a scorgere il significato del rapporto fra segno e oggetto musicale, partendo dall’impostazione del filosofo e linguista nordamericano Charles Pierce;
• sei brani scritti per questa occasione da Mauro Bortolotti, Mauro Cardi, Fabrizio Casti, Agostino Di Scipio, Fausto Razzi e Italo Vescovo, tra i più rappresentativi compositori italiani dei nostri anni.
Ogni brano è corredato da note dell’autore, note del curatore, indicazioni tecniche e diteggiature che aiutano l’esecutore nello studio.

Altri utenti hanno acquistato anche: